Precedenze nel trasferimento interprovinciale Legge 104/92 – Lo scorso 16 gennaio 2024, il Tribunale di Cosenza ha emesso una sentenza che segna un punto di svolta nel diritto del lavoro e nella tutela dei diritti delle persone con disabilità in Italia. La decisione riguarda il caso di una docente di scuola primaria, assistita legalmente dall’Avvocato Vincenzo La Cava. La lavoratrice ha richiesto un trasferimento interprovinciale per poter assistere il padre disabile, facendo ricorso alla Legge 104/1992.

Legge 104/92 e diritti dei lavoratori: la sentenza del Tribunale di Cosenza da ragione alla docente

La docente ha invocato il diritto di precedenza garantito dall’art. 33, comma 5, della Legge 104/1992, una normativa chiave che fornisce supporto ai lavoratori che assistono familiari con disabilità. La sua domanda di trasferimento, tuttavia, era stata inizialmente respinta a causa delle disposizioni del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo (CCNI) sulla mobilità del personale docente, che non riconoscevano tale diritto di precedenza nelle procedure di mobilità interprovinciale.

Determinante per il trasferimento interprovinciale della docente la Direttiva 2000/78/CE

La sentenza del Tribunale di Cosenza ha evidenziato l’importanza della Direttiva Europea 2000/78/CE, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e professione. Il Tribunale ha interpretato la Legge 104/1992 alla luce di questa direttiva europea, stabilendo che le disposizioni del CCNI che negavano il diritto di precedenza per la mobilità interprovinciale erano nulle, in quanto in contrasto con la normativa nazionale e i principi europei di non discriminazione.

Le implicazioni della sentenza come precedente giurisprudenziale: vale sempre il “principio di non discriminazione”

Questa sentenza stabilisce un precedente significativo, rafforzando la tutela dei diritti dei lavoratori che assistono familiari disabili e promuovendo l’integrazione dei principi di non discriminazione e parità di trattamento nel contesto lavorativo italiano. La decisione del Tribunale di Cosenza non solo garantisce alla docente il diritto al trasferimento con la precedenza prevista dalla legge, ma apre anche la strada a future interpretazioni delle norme nazionali in modo conforme ai principi e alle direttive dell’Unione Europea.

La sentenza rappresenta, infine, un importante passo avanti nella protezione dei diritti dei lavoratori e sottolinea l’importanza dell’armonizzazione tra il diritto nazionale e quello dell’Unione Europea nel campo del lavoro e della tutela sociale.

Allegato

Direttiva Europea 2000/78/CE