Situazione assolutamente caotica in relazione al tema del precariato scolastico in Italia. A chiedere l’intervento degli ispettori presso gli USR e USP, al fine di fare chiarezza sull’attribuzione dei punteggi nelle graduatorie, è direttamente il Senatore Nencini, Presidente della Commissione Istruzione Cultura del Senato.

Tanti contenziosi per le supplenze, ‘occorre una riforma seria sul precariato in Italia’

Le affermazioni del Presidente Nencini non lasciano dubbi. Esiste ed è pregnante una confusione generalizzata sulla questione legata alle nomine delle supplenze che rischia – e l’ipotesi sembra essere concreta – di creare difficoltà e “scompiglio sull’inizio dell’anno scolastico”.

Si, proprio così. Sono tantissimi gli aspiranti che ogni giorno lamentano la lesione dei loro diritti in ragione di attribuzioni di punteggi errati o addirittura circa la loro cancellazione d’ufficio dagli elenchi necessari alle nomine.

Si tratta di una grave situazione che oramai pare sia divenuta una prassi in quasi tutti gli Uffici Scolastici regionali e provinciali. Proprio per questa ragione il Presidente Nencini invoca con forza l’invio di ispettori da parte del Ministero dell’Istruzione presso di uffici scolastici interessati, delegati alla redazione delle graduatorie, al fine di fare piena luce sulle responsabilità che generano ogni giorno i contenziosi di cui lo stesso ministero è a conoscenza.

Entrando nel merito delle motivazioni dei tanti contenziosi, Nencini precisa: “Le procedure di inserimento nelle graduatorie sono state complicate negli anni e questi sono i risultati. Bisogna cambiare registro sul precariato”.