“La libertà di espressione, sancita dalla nostra Costituzione, non deve essere repressa con violenza.”, queste le dichiarazioni del Presidente ANP, Antonello Giannelli, a proposito degli eventi di Pisa.

Giannelli condanna fermamente l’uso della forza contro i manifestanti

Il Presidente dell’Associazione dei Presidi ha dichiarato: “Nonostante le significative parole del Presidente della Repubblica, in qualità di rappresentante del personale dirigente scolastico, mi trovo costretto a condannare fermamente l’uso della forza contro i manifestanti, molti dei quali minorenni. Le numerose testimonianze diffuse dai media mostrano chiaramente che questi giovani, che non indossavano maschere e non erano armati, non rappresentavano una minaccia.”

L’importanza dell’Educazione Civica e della Costituzione secondo Giannelli

Giannelli ha aggiunto: “Negli ultimi anni, le scuole hanno rafforzato l’insegnamento dell’educazione civica, ponendo particolare enfasi sui principi fondamentali della Costituzione. È fondamentale che tali principi educativi non siano sviliti da azioni che reprimono violentemente il diritto di manifestare, un diritto garantito proprio dalla Costituzione.”

Il Presidente dell’ANP, infine, ha chiesto di conoscere al più presto di chi sono le responsabilità dei fatti accaduti a Pisa. “È necessario che le responsabilità per quanto accaduto siano determinate con urgenza, ma questa richiesta non deve essere interpretata come un’interrogazione sul ruolo delle forze dell’ordine, che sono i principali difensori della Costituzione.”